• English
  • Italiano

MOSCATO BIANCO

ANIMO PROFUMATO, CUORE FRIZZANTE

MOSCATO BIANCO

ASTI & MOSCATO D’ASTI

Asti si trova nella parte sud-orientale della regione nord-occidentale italiana del Piemonte. Si pensa che sia stata la casa dell'uva Moscato Bianco per secoli, risulta scritto negli statuti del Comune di Cannelli del 1200.

Questa zona produce il più famoso vino frizzante d'Italia, originariamente chiamato Asti Spumante, tuttavia, nel ricevere la sua più alta classificazione DOCG nel 1994, è stato semplicemente rinominato Asti. La zona di produzione del vino si espande su gran parte di Asti e alcune parti delle province di Cuneo e Alessandria.

Asti si è fatto un nome per se stesso come un vino facile da bere, uno spumante dolce ad un prezzo accessibile. I livelli di dolcezza sono il risultato dei livelli elevati di zucchero naturalmente presenti nell'uva Moscato. La maggior parte del vino è fatto in grandi vasche di acciaio inox prodotto in una versione modificata del metodo Charmat, per cui il mosto viene filtrato e poi immagazzinato nei serbatoi a temperature vicine al congelamento per evitare di dare inizio alla fermentazione. In un secondo momento il mosto viene poi inoculato con lieviti per consentire l'inizio della fermentazione. Per evitare qualsiasi perdita di anidride carbonica durante questo tempo, il processo avviene in grandi recipienti. Una volta che l'alcool e i livelli di zucchero residuo hanno raggiunto quelli richiesti, il vino viene raffreddato rapidamente per fermare la fermentazione. Il vino viene poi filtrato, imbottigliato e tappato. Anche se questo metodo è la scelta preferita di molti produttori, alcuni Asti sono fatti con il metodo classico.

In generale, questi vini spumanti hanno un potenziale alcolico che è molto più basso rispetto alla maggior parte dei vini, generalmente al 9% vol. Come il suo compagno Asti DOCG (e parte della stessa denominazione), il Moscato d'Asti DOCG deve essere realizzato al 100% da uve di Moscato Bianco. Le principali differenze tra questi due vini sono i livelli di dolcezza, di pressione e di alcol, il Moscato d'Asti essendo il più dolce dei due Asti ha il più alto livello di alcool. Questo perché la fermentazione del Moscato d'Asti viene interrotta prima. L'altra differenza è che il Moscato d'Asti è fatto in uno stile frizzante al contrario di uno spumante. L'Asti è anche confezionato come champagne con un tappo di sughero cablata verso il basso, a differenza del Moscato d'Asti che richiede solo un tappo di sughero di serie a causa dei bassi livelli di biossido di carbonio. Il suo carattere è generalmente fresco e fragrante con sapori freschi di uva e deve essere consumato giovane e fresco.